in:

Sono oltre 21 mila i modenesi che risiedono nelle frazioni. A loro si rivolge il Comune con una nuova pubblicazione che fornisce una mappa aggiornata della periferia cittadina.

La “sentinella nord” è Albareto, con le sue quasi 900 famiglie. Poi ci sono San Damaso e Baggiovara, protagoniste entrambe di un rilevante sviluppo urbanistico. E ancora Cittanova, porta occidentale della città, Cognento e le storiche 4 Ville, la parte più settentrionale della circoscrizione 4. Sette macro aree per riassumere e fare il punto sulla situazione attuale delle 21 frazioni di Modena, “Centri di periferia tra sviluppo e identità storico culturale”. Ed è proprio questo il titolo della nuova pubblicazione realizzata dall’Amministrazione comunale. Un cofanetto con 7 schede, ciascuna dedicata a una diversa porzione del territorio e provvista di una mappatura dettagliata dei principali servizi: scuole, biblioteche, circoli, servizio di trasporto, ambulatori medici, luoghi di culto, parchi. Per ogni macrogruppo, la scheda contiene inoltre fotografie dei luoghi più rappresentativi, un rilievo aereo e i dati dell’ultimo censimento sulla popolazione. Nell’insieme la pubblicazione fornisce una fotografia aggiornata della periferia cittadina, a disposizione degli oltre 21 mila modenesi che risiedono nelle frazioni, proponendosi come strumento di conoscenza del territorio e di ulteriore programmazione.


Riproduzione riservata © 2016 TRC