in:

La riforma della giustizia vuole limitare l’indipendenza della magistratura, parola di esperto. Anche di questo si è parlato oggi, nel primo giorno del convegno, che chiude domani, organizzato presso la camera di commercio da Magistratura democratica, sul tema “Discriminazioni e diritti”.

Una società che cambia, che diventa multietnica, pone interrogativi anche a chi si occupa di giustizia. E per un confronto sul tema è stato organizzato a Modena un apposito convegno.Ma in questi giorni è d’attualità anche la riforma della giustizia che porta avanti il governo Berlusconi, e che per l’associazione Magistratura democratica vuole solamente limitare l’autonomia dei procuratori, creando un funzionario potente, ha detto il segretario nazionale di Md, Rita Salorenzo, asservito alla politica. E il primo passo: limitare le intercettazioni nelle indagini. Edmondo Bruti Liberati, presidente nazionale MD, ha spiegato che questo fondamentale strumento di indagine deve essere usato in tutti reati, corruzione compresa.


Riproduzione riservata © 2016 TRC