in:

E’ rosso come la Ferrari e arriva a toccare i 300 chilometri orari. Sabato il viaggio di inaugurazione, ma oggi una nostra troupe è salita sul Frecciarossa, il treno che viaggia ade alta velocità. Bologna-Milano in 65 minuti.

Te ne accorgi quando affianchi l’autostrada del Sole e in un bgaleno ti lasci auto e camion alle spalle. Non è veloce come un jet ma in un’ora e cinque minuti vai da Bologna a Milano. Sabato l’inaugurazione ufficiale, oggi il viaggio prova a bordo del Frecciarossa, un ETR 500, sulla linea ad Alta Velocità, l’opera infrastrutturale più grande nel nostro paese dal dopoguerra. Un treno che raggiunge i 300 km/h, che può fermarsi in appena 70 secondi e che si basa su un sistema all’avanguardia per la gestione e il controllo della distanza di sicurezza: le informazioni fra il treno e la rete ferroviaria passano attraverso onde radio e vengono gestite da un’avveniristica torre di controllo a Bologna.L’alta velocità vuole fare concorrenza alle compagnie aeree: Roma-Milano in 3 ore e mezzo; Milano-Napoli in quattro ore e 10 minuti. Più cari i biglietti rispetto a un Eurostar, ma in questa fase di lancio non mancano le promozioni e per coprire la tratta Bologna-Milano a/r si pagano 50 euro in prima classe e 35 euro in seconda, cifre che scendono di 2-3 euro se si prenota sul web.Ad oggi sono già in esercizio 650 chilometri di linea ad Alta Velocità, più i 182 della Milano-Bologna che debuttano dal 14 dicembre. A fine 2009 il sistema si completerà con l’apertura della Novara-Milano e della Bologna-Firenze. Le linee veloci permetteranno di decongestionare il traffico sulla rete tradizionale, ma i veri cambiamenti – anche per gli utenti della linea convenzionale – si noteranno quando si snelliranno i nodi delle grandi città, come a Bologna dove la nuova stazione dell’alta velocità sarà in sotterranea. Il Frecciarossa corre veloce e se all’andata accumula dieci minuti di ritardo a causa delle simulazioni di frenata, al rientro a Bologna la tabella di marcia è rispettata alla perfezione.


Riproduzione riservata © 2016 TRC