in:

Per l’ottavo anno il Polivalente 87 Gino Pini festeggerà il Natale insieme ai bimbi di Chernobyl. Da domani sino al 5 gennaio 36 giovani ucraini saranno ospitati dalle famiglie modenesi.

Tre settimane in un ambiente non contaminato per abbattere il tasso di cesio radioattivo nel loro sangue. Tre settimane per sottoporsi ad accurati esami e vivere un’esperienza indimenticabile. Per l’ottavo anno, in occasione delle festività natalizie, arriva a Modena, un gruppo di 36 bambini provenienti dai villaggi dell’Ucraina più contaminati dalle radiazioni nucleari provocate dalla nube di Chernobyl. I ragazzi tra gli 8 e gli 11 anni, da domani sino al 5 gennaio, saranno ospitati da dieci famiglie modenesi, con il Polivalente 87 Gino Pini che ha organizzato un ricco programma di iniziative per rendere avvincente e non soltanto utile il loro soggiorno in Italia. Ma da qualche anno, l’impegno dei volontari della polisportiva consente anche di portare un aiuto concreto nei territori di provenienza dei ragazzi ospitati. In particolare nelle strutture socio-assistenziali e nelle scuole, in modo da migliorarne le condizioni di vita e la formazione culturale. Grande l’attenzione dedicata agli orfani, anche come forma di contrasto al traffico internazionale di minori…


Riproduzione riservata © 2016 TRC