in:

Di crisi ha parlato oggi anche Roberto Vezzelli, nel corso dell’assemblea delle cooperative aderenti a Legacoop Modena. “Ci attende – ha detto – un 2009 difficile, ma metteremo in campo tutte le risorse cooperative per non scaricare gli effetti della crisi su soci, consumatori e dipendenti”.

“La crisi toccherà anche la cooperazione, ma abbiamo gli anticorpi per resistere e non farne pagare i costi a soci, consumatori e dipendenti”. A dirlo, presentando un Rapporto sociale 2007 da record, Roberto Vezzelli. Agli associati, il presidente di Legacoop Modena ha ribadito le proposte presentate dall’associazione al Governo, giudicando insufficienti le misure messe in campo dall’esecutivo. “Per questo – ha detto Vezzelli – dobbiamo rispondere alla crisi partendo da ciò che in questi dieci anni di crescita continua e ben superiore a quella del resto del Paese, abbiamo dimostrato di saper fare al meglio: innovare, aumentare la produttività, rispondere alle sfide del mercato, senza dimenticare mai i valori e la missione cooperativa”. Tra le idee lanciate da Legacoop, anche quella di istituire il Tavolo dell’economia, perché facendo squadra, istituzioni, associazioni economiche e forze sociali del modenese possano rispondere al meglio alla difficile congiuntura.Rispondere alla crisi, senza dimenticare la qualità del lavoro. Per questo,al centro del Rapporto sociale 2007 di Legacoop, presentato oggi al Baluardo della Cittadella, c’era la sicurezza. “Una battaglia difficile da vincere se non si fanno controlli e se aumenta il lavoro precario”. Ha ricordato nel corso della tavola rotonda conclusiva, Antonio Boccuzzi, unico superstite dell’incendio alla Thyssenkrupp.


Riproduzione riservata © 2016 TRC