in:

Anche a Modena i controlli dopo l’allarme lanciato dal Ministero sulla carne suina importata dall’Irlanda e a rischio contaminazione da diossina. In Emilia Romagna sono arrivati in tutto 255 tonnellate di carne destinata a sei stabilimenti, una porzione marginale del mercato complessivo emiliano romagnolo.

Controlli e sequestri anche a Modena, dopo le indicazioni fornite dal Ministero sulle partite di carne suina introdotte dall’Irlanda a partire dal mese di settembre per sospetta contaminazione da diossina. “Abbiamo iniziato le ispezioni questa mattina” – ci ha confermato il responsabile del servizio veterinario dell’Azienda sanitaria, dott. Giorgio Nannetti. Grazie alla rintracciabilità dei prodotti, i veterinari sono andati a colpo sicuro nei laboratori dove era stata lavorata o doveva ancora essere lavorata la carne suina proveniente dall’Irlanda. In Italia, lo ricordiamo, non sono arrivati suini vivi, ma solo carne da lavorare. Nonostante la giornata festiva, i titolari delle imprese interessate hanno aperto gli impianti per verificare la documentazione fiscale e di lavorazione. La carne è stata posta sotto sequestro, così come i salumi in fase di stagionatura. Per gli alimenti già spediti sono invece cominciate le procedure per il ritiro dal mercato. Fortunatamente – ha spiegato il dott. Nannetti – l’Irlanda non è un fornitore abituale dell’industria salumiera regionale. Il suo impiego interessa solo una porzione marginale di mercato”.


Riproduzione riservata © 2016 TRC