in:

53 nuovi casi di infezione da Hiv, nel 2007, nel modenese. Si alza l’età dei malati, e il contagio avviene soprattutto per via eterosessuale. Sono alcuni dei dati diffusi dall’Azienda sanitaria in occasione della giornata mondiale contro l’Aids. Numerose le iniziative di sensibilizzazione.

Sono 53 i nuovi casi di infezione da Hiv registrati nel 2007 dall’Azienda sanitaria locale. L’età media dei malati è 40 anni per gli uomini, e 31 per le donne. Nel 64% dei casi la trasmissione del virus avviene per via eterosessuale. Il 40% dei nuovi sieropositivi sono stranieri, provenienti dall’Africa subsahariana. Dal 1985, anno in cui l’Osservatorio dell’Asl è entrato in funzione, sono state notificate 1900 infezioni, di cui 1340 uomini e 560 donne. 10 i nuovi casi di Aids nel 2007, 7 i decessi. Sono i numeri della malattia nella nostra provincia, forniti in occasione della Giornata mondiale contro l’Aids. Un giorno, il primo dicembre, per ricordare che l’Hiv riguarda tutti e continua a fare vittime: l’unico modo per combatterlo è la prevenzione. A questo scopo, sono numerose le iniziative di sensibilizzazione promosse da Enti pubblici, sanitari e volontariato. Domani, in tutte le farmacie della provincia saranno distribuite gratuitamente confezioni monodose di preservativi, mentre dal 2 al 31 dicembre le normali confezioni saranno scontate del 30%. Materiale informativo sarà distribuito in tutti i comuni dell’Unione Terre di Castello. Il Comune di Modena, che ha indetto un concorso rivolto agli studenti delle scuole superiori per ideare uno slogan contro l’Aids, premierà i vincitori il 9 dicembre. Tra gli appuntamenti in programma anche una mostra, allestita nella sala delle Dame del Venturi di via Dei Servi, da domani al 6 dicembre, dal titolo “Con uno sguardo positivo, Aids e sud del Mondo, per far luce sulla drammatica situazione africana.


Riproduzione riservata © 2016 TRC