in:

Continua la discussione sulla sicurezza degli edifici scolastici. E mentre il Governo annuncia 300 milioni di euro in arrivo per le scuole a rischio, la Provincia assicura investimenti costanti su questo settore. Negli ultimi anni, stanziati 7 milioni di euro.

La tragedia del Liceo Darwin di Rivoli, in cui ha perso la vita uno studente, riapre la discussione sulla sicurezza degli edifici scolastici. Il Governo annuncia che la Legge Obiettivo assegnerà 300 milioni al Miur. Necessari per contrastare quella che sembra una vera e propria emergenza, con 10mila strutture scolastiche a rischio. Ancora più numerose quelle prive del certificato di prevenzione incendi. La situazione migliora in Trentino, Toscana ed Emilia Romagna, dove l’88% degli edifici ha il regolare certificato di agibilità statica. “Nel modenese le scuole sono sicure, e i controlli, effettuati da personale specializzato, sono costanti. Negli ultimi anni sono stati investiti per questa voce 7 milioni di euro.” ribadisce l’assessore provinciale ai lavori pubblici Egidio Pagani. Oltre ai lavori sulla sicurezza, la Provincia fa sapere di aver investito negli ultimi 5 anni 23 milioni di euro per manutenzioni straordinarie, cui se ne aggiungono quasi tre per il miglioramento antisisimico e 600mila per il consolidamento delle strutture. Gli interventi principali hanno riguardato il Fermi, il Guarini, il Muratori e il Barozzi a Modena, il Fanti e il Meucci di Carpi, il Galilei di Mirandola, il polo di Finale Emilia, lo Spallanzani e il Monteombraro di Zocca. Inoltre, per far fronte al boom di iscritti, sono satti stanziati 18 milioni di euro, con i quali sono stati ampliati il Formiggini di Sassuolo, il Guarini e il Tassoni di Modena. E mentre l’on Isabella Bertolini, del Pdl, chiede di fare della sicurezza delle scuole un obiettivo comune, e non una lotta di parte contro il Governo, i consiglieri provinciali del Pd Malavasi e Malaguti chiedono, in un’interrogazione al consiglio, di continuare ad investire sulle scuole e di esigere maggiori risorse statali, nella Finanziaria 2009, per la sicurezza degli edifici.


Riproduzione riservata © 2016 TRC