in:

Parola d’ordine: informare sui contenuti della legge 133 che taglia i fondi agli Atenei e ottenere una presa di posizione decisa da parte del Rettore, in vista della manifestazione del 14 novembre. La sinistra studentesca punta alla mobilitazione degli universitari modenesi.

Si inizia martedì 11 novembre a Medicina, con un’assemblea cui parteciperà anche il nuovo Rettore, Aldo Tomasi. Giovedì 13 è in programma un incontro a giurisprudenza ed economia, poi, entro la fine della settimana, appuntamento ad ingegneria. In alcune facoltà le lezioni verranno sospese, per consentire a tutti di partecipare. In questi incontri Sinistra studentesca illustrerà agli studenti modenesi i contenuti della legge 133 del Governo Berlusconi, approvata il 6 agosto scorso, e ne spiegherà gli effetti: riduzione dei servizi, aumento delle tasse e rischio di trasformazione delle università in Fondazioni Private, con il relativo adeguamento delle rette. Tutto in vista del 14 novembre, giorno dello sciopero generale dell’università e della ricerca. A Modena, la lista di sinistra sta organizzando una manifestazione all’interno del campus universitario. “Anche gli studenti modenesi devono prendere coscienza dell’importanza della contestazione alla legge 133” afferma Donato Zippo, di sinistra studentesca, che chiede esplicitamente al Rettore di prendere una posizione netta rispetto alle politiche del Governo….


Riproduzione riservata © 2016 TRC