in:

Le firme raccolte per la petizione “Diefendiamo l’istruzione pubblica” hanno raggiunto quota 10.400. I sindacalisti della Cgil le consegneranno domani al prefetto di Modena Giuseppina Di Rosa.

Sono 10.400 le firme raccolte, dalla fine di agosto ad oggi, dal sindacato scuola università Flc Cgil, a sostegno della petizione dal titolo “Difendiamo l’istruzione pubblica”. Si chiede la modifica degli articoli della legge 133 del 2008, relativi ai tagli, il ritiro del decreto Gelmini sul maestro unico e la cancellazione del tempo pieno e delle proposta di legge sulla riforma dello stato giuridico dei docenti. I rappresentanti di Flc Cgil consegneranno domani le firme direttamente nelle mani della dottoressa Giuseppina Di Rosa, prefetto di Modena, alla quale esprimeranno anche la loro preoccupazione per gli effetti dei provvedimenti governativi, definiti “disastrosi”. Il sindacato sottolinea il difficile momento del mondo dell’istruzione in Italia e lamenta tagli per 1500 milioni di euro nei prossimi 5 anni con un blocco delle assunzioni, per quanto riguarda l’università, riduzione degli stipendi di docenti, ricercatori e personale tecnico-amministrativo e si schiera contro la privatizzazione di Istituti e università con trasformazione in Fondazioni di diritto provato.


Riproduzione riservata © 2017 TRC