in:

Una platea numerosa e attenta ha seguito ieri sera il racconto del giudice Giuseppe Ayala sui colleghi Falcone e Borsellino. Ayala ha presentato il suo libro in Cna, in un incontro organizzato non a caso.

Una sala non è bastata al pubblico che ieri sera ha affollato la sede provinciale della Cna di Modena: è stato necessario sistemare uno schermo in uno spazio attiguo. Perché gli imprenditori sono accorsi numerosi per ascoltare il giudice Giuseppe Ayala presentare il suo libro dove si racconta la vita professionale e privata di Falcone e Borsellino, i due magistrati uccisi dalla mafia. E naturalmente Ayala ha parlato anche della malavita organizzata di oggi, problema che interessa in prima persona proprio il mondo economico, come ha spiegato il presidente di Cna, Luigi Mai. Mai ha spiegato che hanno ricevuto segnalazioni di casi sospetti dagli associati, ma che ancora è una cosa che fatica ad emergere e chiede l’impegno delle istituzioni. Lo stesso ministro dell’Interno Maroni, venerdì scorso, ha lanciato l’allarme mafia al nord, in Emilia in particolare, basandosi sui dati della Direzione investigativa antimafia. E Giuseppe Ayala avverte: non si può più perdere tempo. Istituzioni e mondo economico devono tenere gli occhi aperte, avverte Ayala. E uno speciale sulla serata con Ayala in Cna, andrà in onda questa sera, su Trc-Telemodena, alle 20.15, in replica domani alle 13.30 e alle 19.


Riproduzione riservata © 2016 TRC