in:

Modena, insieme a Reggio Emilia e Parma, capitale dell’Architettura, da oggi fino al 2 novembre. L’apertura ufficiale del Festival, questa mattina, al Foro Boario, sede di diverse mostre.

Anche i paesaggi videoludici, ovvero i mondi virtuali e gli sfondi all’azione proposti dai videogiochi, hanno trovato spazio al Foro Boario. E’ in questa sede che si concentra buona parte delle mostre organizzate a Modena nell’ambito del Festival dell’Architettura, che coinvolge anche le città di Reggio Emilia e Parma. Inaugurata questa mattina, la rassegna presenta alcune esperienze di assoluto risalto, a cominciare dai disegni di John Hejduk, maestro dell’architettura contemporanea. Il percorso include una rilettura dell’opera di Le Corbusier, uno studio sul rapporto tra città e campagna, e una selezione di foto dal concorso “Città che cambia”, promosso dal Comune di Modena, i cui vincitori saranno premiati domani. In mostra anche i progetti di ricerca portati avanti dal 2005 ad oggi dal Laboratorio della città. Lavori che aprono le porte a una riflessione sulle possibilità di trasformazione e progettazione urbana di diverse zone di Modena. Il tutto in una mostra e, più in generale, in un Festival che ha l’ambizione di coinvolgere un pubblico il più ampio possibile e non i soli addetti ai lavori.


Riproduzione riservata © 2016 TRC