in:

Uno strumento in più per unire risparmio e tutela dell’ambiente. E’ il “car pooling Modena”, il progetto approvato ieri dal Consiglio Comunale . Favorirà l’utilizzo di una stessa auto da parte di passeggeri che si spostano nei medesimi orari e percorsi.

Tre mamme accompagnano il loro figlioletto a scuola. Le tre vivono a qualche centinaio di metri l’una dall’altra e, come ovvio, accompagnano i rispettivi bimbi all’incirca alla stessa ora, ma non si conoscono, se non di vista. Utilizzano così tre auto, che ogni giorno consumano benzina e sporcano l’aria modenese, già messa a dura prova. Uno dei tanti sprechi eliminabili, con un pizzico di buona volontà e un sistema che unisca le singole esigenze in un unico mezzo di trasporto. Proprio questo è l’obiettivo di Car Pooling Modena, il progetto approvato ieri dal Consiglio comunale cittadino e promossa dall’amministrazione, dalla Provincia e da aMo. Si tratta di un servizio cui ognuno può aderire. Una volta iscritti, i cittadini possono accedere ad un database grazie ad una password personale, attraverso il sito www.comune.modena.it, e segnalare con un’apposita scheda la propria disponibilità come autisti, con la propria auto, o come passeggeri di un potenziale equipaggio. Il sistema informativo confronta i dati, cerca la sovrapposizione di orari e percorsi possibili e comunica i risultati virtuali agli interessati. Se si compone l’equipaggio il sistema invia una mail o un sms a ognuno, che saprà così con chi viaggerà, dove e quando. Il servizio sarà gratuito, dopo un piccolo contributo una tantum. Sono previsti incentivi proporzionati alla frequenza di utilizzo del sistema, come gratuità della sosta a pagamento, abbonamenti gratis al bus e permessi ztl.


Riproduzione riservata © 2016 TRC