in:

Accordo raggiunto sul trasferimento provvisorio del Centro Culturale Islamico di Sassuolo, che sorgerà presso il parcheggio di Via Regina Pacis. Ma i fedeli dovranno avvallare la proposta.  

L’ultimo tratto di strada, su via Regina Pacis, dove attualmente si trova un parcheggio pubblico. E’ questo il punto in cui, provvisoriamente, i musulmani di Sassuolo potrebbero recarsi a pregare in attesa di una soluzione definitiva al problema di dove collocare la nuova sede del Centro Culturale Islamico. In tarda mattinata. Dopo un incontro durato oltre tre ore tra i rappresentanti dell’associazione El Huda di Sassuolo ed il Sindaco Graziano Pattuzzi affiancato dalla vice Susanna Bonettini, è stata così individuata la futura collocazione della nuova moschea. Ieri per protesta quasi 500 persone si erano riunite fuori dall’attuale moschea di via Circonvallazione per la preghiera del venerdì. Alla fine della discussione, l’associazione El Huda ha accettato la proposta del Comune di Sassuolo di utilizzare un’area di parcheggio a uso pubblico di via Regina Pacis, l’ultimo tratto della strada sino ad ora sottoutilizzato. La proposta però verrà illustrata questa sera ai fedeli musulmani residenti in città e a loro verrà chiesto l’avvallo definitivo. In mancanza di  questo l’associazione El Huda fa sapere che tornerà a discutere i termini dell’accordo. In caso contrario onvece, già prossimi giorni, l’associazione presenterà una richiesta ufficiale di utilizzo del suolo pubblico per poter collocare una struttura provvisoria e potere così ospitare i musulmani in preghiera. Si tratta di una soluzione per forza di cose temporanea in attesa di trovare una sede definitiva.


Riproduzione riservata © 2016 TRC