in:

Si è tenuta, nel tardo pomeriggio di ieri, nel cortile d’onore di Palazzo Ducale, la cerimonia di cessione e assunzione del comando dell’Accademia militare di Modena.

37 anni fa il corso che vedeva tra le proprie fila Francesco Tarricone, a pochi giorni dall’agognata stelletta da sottotenente, mentre passava la stecca ai capelloni, ai nuovi entrati, e tra loro anche l’allievo Roberto Bernardini. Dopo tanti anni, quello che oggi è il generale di corpo d’armata Francesco Tarricone lascia il comando della più prestigiosa scuola di formazione degli ufficiali dell’esercito, l’Accademia di Modena, al generale di divisione Roberto Bernardini. Modena, nel loro destino professionale e umano. Un avvicendamento che interessa non solo l’istituto militare, ma l’intera città: il segno distintivo di questi ultimi tre anni è stato, infatti, uno sforzo costante di raccordo con la società civile, un compito che ora passa al nuovo comandante, come suo onere sarà preparare giovani ufficiali in grado di rispondere alle rinnovate esigenze non solo dei teatri internazionali, ma anche dello scenario politico interno: l’uso che questo governo fa dei militari con compiti di ordine pubblico ne è un esempio. Il generale Tarricone passa ora alla guida del 2° comando delle forze di difesa a San Giorgio a Cremano, in provincia di Napoli.


Riproduzione riservata © 2016 TRC