in:

“Un fiore per i partigiani”. Dopo la polemica innescata dalle dichiarazioni del Ministro La Russa sulla Repubblica di Salò, l’Anpi invita i cittadini a portare un omaggio floreale ai cippi che ricordano i resistenti caduti per la libertà dell’Italia.

Domenica prossima portate un fiore davanti ai cippi e in ogni luogo dove si ricordi un partigiano caduto per la libertà: è questo l’invito che il comitato modenese dell’Anpi, l’associazione nazionale partigiani, rivolge alle istituzioni, ai partiti, ai sindacati, ma anche ai singoli cittadini dopo le dichiarazioni del ministro della difesa Ignazio La Russa in difesa dei repubblichini di Salò. Il segretario provinciale del Pd Stefano Bonaccini ha inviato una lettera aperta ai partigiani: “Nessuno potrà mai equiparare la vostra scelta – scrive – a quella di quanti si schierarono, invece, dalla parte sbagliata, quella dei fascisti e dei nazisti”. Domenica prossima, alla Festa del Pd, lo stesso Bonaccini, insieme al sindaco Pighi e all’onorevole Castagnetti, incontrerà i partigiani modenesi, in occasione delle celebrazioni del 60esimo anniversario della Costituzione. E anche l’Italia dei valori aderisce all’iniziativa dell’Anpi. Con l’assessore provinciale Maurizio Guaitoli che definisce “vergognose le affermazioni del sindaco di Roma, Alemanno, e del ministro La Russa, tese a rivalutare il regime dittatoriale fascista e addirittura la sua versione più criminale, rappresentata dalla Repubblica di Salò”. "In queste terre che tanto hanno sofferto prima e dopo il secondo conflitto mondiale – commenta invece il consigliere regionale di An Enrico Aimi – è giunto il momento di mettere la parola fine a questa guerra civile strisciante che continua a dividere le coscienze." 


Riproduzione riservata © 2016 TRC