in:

La facoltà di Ingegneria di Modena attende la “carica delle matricole”. Sono oltre 600 gli studenti iscritti al primo anno che martedì 2 settembre si sottoporranno al test d’ingresso.

All’appuntamento del 2 settembre sono attesi oltre 600 studenti: 512 a Modena e 125 nella sede reggiana. Tante sono le matricole che martedì si sottoporranno al test d’ingresso proposto dalla facoltà di Ingegneria dell’Università di Modena e Reggio. Un esame gratuito, non selettivo e non vincolante ai fini dell’iscrizione. Più propriamente un supporto all’orientamento e un piccolo banco di prova utile a saggiare le conoscenze culturali e scientifiche dei futuri ingegneri. L’iniziativa fa parte di un più ampio progetto di miglioramento della didattica avviato dall’Ateneo modenese e finalizzato ad accertare la preparazione di base dei nuovi arrivati. Così da consentire alla facoltà di mettere in campo anticipatamente adeguate azioni di sostegno agli studenti. La prova precederà infatti l’organizzazione di corsi di recupero in matematica, geometrica, fisica e chimica che verranno promossi gratuitamente nelle settimane successive al test. Dall’analisi delle pre-immatricolazioni si osserva inoltre come la professione dell’ingegnere continui a declinarsi al maschile: l’80% delle matricole modenesi sono uomini, anche se il numero delle ragazze è in crescita. In aumento anche i “fuori sede” che a Modena sono 95 e provengono da 37 province e 14 regioni, in prevalenza Lombardia, Puglia e Sicilia.


Riproduzione riservata © 2016 TRC