in:

Sarà l’autorità giudiziaria a stabilire se l’atteggiamento tenuto dal primo cittadino di Fanano, in occasione della festa del Partito Democratico locale, sia stato opportuno. Pd e Pdl fermi nelle loro posizioni, molto distanti.

Le scuse che i vertici del Partito Democratico modenese chiedevano non sono arrivate, anzi, il coordinatore provinciale azzurro, Gian Paolo Lenzini, su un quotidiano locale, definisce ineccepibile il comportamento tenuto dal primo cittadino di Fanano, Alessandro Corsini, che ha negato l’autorizzazione a svolgere spettacoli durante la festa del Pd, che a Fanano erano concerti di liscio. Le posizioni dei due partiti, Pd e Pdl restano inconciliabili. “Ciò che mi interessa maggiormente è tutelare l’immagine dei tanti volontari che rendono possibile la realizzazione della festa del partito: una tradizione che ha radici profonde. Nel caso di Fanano non c’entra la politica”, afferma il segretario del Partito Democratico di Modena, Stefano Bonaccini sulla vicenda Fanano. A questo punto sarà la magistratura a valutare le due posizioni.


Riproduzione riservata © 2016 TRC