in:

La politica continua a discutere l’utilizzo dell’esercito nelle città e per presidiare obiettivi sensibili e centri di identificazione ed espulsione. Stamattina all’ex Cpt di Modena, la visita del deputato del Pdl, Isabella Bertolini, che ha risposto con durezza alle critiche di Famiglia cristiana.

Per il settimanale cattolico, Famiglia Cristiana, il Governo utilizzando l’esercito per compiti di polizia sta “giocando ai soldatini”. Per il segretario di Rifondazione, Ferrero, l’Italia assomiglia sempre più ad un Paese sudamericano. Ma la maggioranza di centrodestra va avanti per la sua strada: pattuglioni misti nelle città, militari impegnati a presidiare gli obiettivi sensibili e gli ex Cpt e presto, magari, anche a controllare i cantieri edili. E stamattina Isabella Bertolini, deputato modenese del Pdl, accompagnata dai consiglieri Leoni e Mazzi, ha visitato il centro di identificazione ed espulsione di via La Marmora. L’occasione per verificare i compiti assegnati ai 40 militari dell’esercito e il funzionamento della struttura. In particolare la Bertolini, incontrando i giornalisti al termine della visita, ha ricordato come fu proprio lei nel 1994 a chiedere per prima l’utilizzo dell’esercito in città, per liberare da compiti impropri la polizia. Ma il deputato del Pdl ha anche replicato a Famiglia Cristiana, vittima a suo dire di un pregiudizio ideologico.


Riproduzione riservata © 2016 TRC