in:

Dopo l’arrivo dei militari a presidiare gli ex Cpt, fa discutere la proposta del Ministro della difesa La Russa che vorrebbe usare l’esercito per controllare i cantieri edili contro le morti bianche. Contrario il centrosinistra.

L’ultimo del lungo e drammatico elenco è Antonio Cupiello, operaio di 33 anni, travolto da un tir la scorsa notte, mentre era al lavoro in un cantiere sull’A1 per il rifacimento della segnaletica. Morti bianche, un bollettino quasi quotidiano, che fa dell’Italia la maglia nera d’Europa. Una questione aperta e irrisolta nonostante i continui appelli del Presidente Napolitano. Tra le ipotesi al vaglio del Governo, quella del Ministro della difesa La Russa che, dopo aver inviato l’esercito a presidiare gli ex Cpt, sta pensando di affiancare i soldati del Genio al nucleo di carabinieri specializzato nella tutela del lavoro, per potenziare i controlli e le visite a sorpresa a cantieri e laboratori artigiani. 470 i carabinieri attivi oggi, 2 a Modena, torneranno ad essere 3 a fine agosto, che agiscono al fianco dei 3500 ispettori del lavoro. Un’idea, quella del Ministro La Russa, che il Partito democratico bolla come pura propaganda, inutile per risolvere il problema delle morti bianche. “Controllare il rispetto delle norme sulla sicurezza è un’attività complessa – spiega il parlamentare modenese Ivano Miglioli – per la quale servono specifiche competenze. L’esercito al massimo potrebbe essere utilizzato per presidiare cantieri e imprese chiuse per inadempienza”. Il deputato del Pd ritiene invece fondamentale aumentare il numero degli ispettori del lavoro, già potenziati di 300 unità dal Governo Prodi, e dare piena attuazione al decreto contro le morti bianche, l’ultima legge fatta dal passato parlamento. “Un provvedimento – attacca Miglioli – che l’attuale maggioranza sta ostacolando in ogni modo, ritardando l’applicazione e riducendo le pene previste”. Critiche nel merito, ma anche di forma. L’utilizzo dei militari nelle città è contestato da Sinistra democratica e Rifondazione comunista, ma anche da Famiglia Cristiana. Il settimanale cattolico nell’editoriale dell’ultimo numero ha bollato l’uso dell’esercito per compiti di polizia come “inutile gioco dei soldatini in città”.


Riproduzione riservata © 2016 TRC