in:

Domani a Serramazzoni si potranno acquistare frutta e verdura al mercato contadino. E’ l’ottavo avviato nella provincia di Modena. Insieme ad altre, è una delle iniziative dei comuni modenesi per aiutare le famiglie a fronteggiare l’aumento del costo dei prodotti alimentari.

Quasi tutte le amministrazioni comunali della province modenesi hanno predisposto azioni per contrastare la tendenza all’aumento dei prezzi dei generi alimentari, ma non solo; vi è anche l’opportunità, per le famiglie numerose e in difficoltà economica, di avere sconti sulle tariffe dell’acqua, gas ed elettricità. Agevolazioni anche sulla tariffa di igiene ambientale, per chi pratica compostaggio domestico o conferisce i rifiuti nelle isole ecologiche. Ancora, in molti comuni si praticano tariffe agevolate per il trasporto pubblico o per contenere i costi dell’affitto. A Carpi si sta sperimentando il microcredito per soggetti deboli; a Modena e Maranello è partita la Family Card con sconti sui prezzi degli alimenti per le famiglie con almeno tre figli; a Carpi, Formigine e Maranello le Young Card proponegono facilitazioni riservate ai giovani. Sul fronte spesa frutta e verdura possono essere acquistate ai mercati contadini presenti in otto comuni della provincia che operano in base regole ben definite per garantire al consumatore la provenienza dei prodotti, la trasparenza dei prezzi e la sicurezza degli alimenti. Domani inaugura la sua prima giornata di vendita diretta il mercato contadino di Serramazzoni: si va ad aggiungere a quelli di Carpi, Castelfranco, Cavezzo, Mirandola, Modena, Pavullo e Vignola. Il sapore del latte appena munto lo si può ritrovare andando, invece, nei 16 punti di distribuzione automatica di latte crudo: altro esempio di filiera corta in grado di contenere i prezzi.


Riproduzione riservata © 2016 TRC