in:

Un albergo che dovrebbe essere un condominio. E’ l’immobile di via Jacopo da Porto Sud a Baggiovara, al centro di un lungo e doloroso fallimento.

Sono stanze d’albergo e non appartamenti. Non è possibile abitarle, non è possibile prendervi la residenza. E’ il condominio costruito in via Jacopo da Porto Sud a Baggiovara, un complesso da una 70ina di unità rimasto incompiuto, fermo a causa del fallimento della società costruttrice, la Arcobaleno Srl di Gianfranco Manfredini, fallimento sancito dal Tribunale di Modena il 16 aprile del 2007. Nei guai, oltre al costruttore, sono finiti loro malgrado i proprietari, molti privati che a Baggiovara contavano di andarci ad abitare, ma anche società che vedevano nel progetto un investimento: erano i primi del 2000, l’ospedale sarebbe stato inaugurato da lì a qualche anno, gli appartamenti non avrebbero potuto che rivalutarsi. Invece non è stato così. Più di 40 proprietari, che nel complesso hanno investito 4 milioni e mezzo di euro, stanno ancora aspettando di entrare in casa. La formula venduta era quella del residence extra-alberghiero, un misto di abitazioni e centro commerciale. Quello che forse gli acquirenti non sapevano è che si tratta di un immobile unico, non frazionabile in singoli appartamenti, dove in sostanza non è possibile prendervi la residenza. I lavori, che sarebbero dovuti terminare nel 2003, non sono ancora conclusi. “E’ un fallimento estremamente difficile e doloroso” – ha commentato il curatore fallimentare Claudio Previdi che aspetta di ricevere una proposta che metta tutti d’accordo: aspiranti proprietari, Tribunale, comune e banche. “Le soluzioni possono essere solo due” – taglia corto l’assessore all’urbanistica Daniele Sitta – “O si trova un gestore di strutture alberghiere che completi e acquisti l’immobile, risarcendo chi ha anticipato il denaro, oppure si deve trasformare la destinazione d’uso dell’area, da commerciale qual è adesso a residenziale”. Ci vorrebbe una variante al piano regolatore e per i proprietari significherebbe sborsare altro denaro, perchè mancano i garage e andrebbero modificati i tagli degli appartamenti. Due giorni fa c’è stata una riunione fra le parti, diversi gli avvocati che stanno lavorando per trovare un accordo.


Riproduzione riservata © 2016 TRC