in:

Modena tra le prime città in Italia a sperimentare il connubio tra partecipazione dei cittadini e concorso di idee per architetti. Passa ora alla fase operativa il progetto sulle ExFonderie. Uscirà, infatti, venerdì il bando per il concorso.

Saranno gli stessi cittadini a commissionare agli architetti la progettazione dell’area delle ExFonderie. Si è, infatti, di recente concluso il processo partecipativo che ha portato alla definizione del progetto denominato Dast, acronimo di design, arte, scienza e tecnologia, ed ora si passa alla fase esecutiva con l’uscita di un concorso di idee. Con scadenza il 28 novembre 2008, il bando è rivolto ad architetti ed ingegneri che riescano ad interpretare le linee guida del Dast. Il rispetto della memoria storica della struttura delle ExFonderie sarà di fondamentale importanza nella valutazione dei progetti. La commissione giudicatrice assegnerà i premi del valore complessivo di 60mila euro: 40mila euro al primo premio, 10mila al secondo, 5mila al terzo classificato e due rimborsi di 2500 euro l’uno, a quarto e quinto posto. I risultati saranno resi noti entro il 9 gennaio 2009, data storica perché proprio il 9 gennaio del 1950 ebbe luogo l’eccidio in cui persero la vita sei persone, uccise dalla polizia durante una manifestazione sindacale. Dal 25 luglio sulla Gazzetta Ufficiale verrà pubblicato il bando per il concorso di idee che sarà disponibile anche sull’Albo Pretorio, sul sito web del Comune di Modena e sul sito ufficiale del concorso: www.comune.modena.it/fonderie


Riproduzione riservata © 2016 TRC