in:

Stanno per arrivare i militari per sostituire polizia e carabinieri in alcuni servizi al Cpt. A darne notizia Carlo Giovanardi, dopo il sì del ministero. Una boccata d’ossigeno vista la situazione degli organici delle forze dell’ordine, ma non basta.

E’ stato lo stesso ministro alla difesa Ignazio La Russa a darne conferma al sottosegretario alla presidenza del consiglio Carlo Giovanardi: nei primi giorni di agosto a Modena arriveranno alcuni militari che verranno utilizzati nei servizi di controllo del Centro permanenza temporaneo. Pochi giorni fa l’esercito aveva effettuato un sopralluogo a Modena e Bologna. Questo, spiega il parlamentare modenese del Popolo delle libertà, permetterà di “liberare decine di poliziotti e carabinieri da utilizzare in compiti di repressione e prevenzione della criminalità”. Ovviamente le prime reazioni non posso essere che positive: “liberare forze qualificate in tema di sicurezza è certamente una notizia positiva – ha spiegato il questore Elio Graziano – anche se auspico – ha aggiunto – che possa esserci nei prossimi mesi anche un incremento delle forze di polizia, ancora necessario”. Dello stesso tenore il commento del segretario provinciale del Siulp, Bruno Fontana, tra i primi a prospettare questa possibilità per far fronte all’attuale carenza d’organico. Questore e sindacati ribadiscono però la netta contrarietà ad arrivare a un uso dei militari direttamente per la sicurezza, quindi per servizi di controllo del territorio o per prevenzione. “Perché – spiega Fontana – è necessaria una preparazione specifica”. In verità, anche il controllo del Cpt non è sempre semplice: anche ieri uno degli immigrati presenti ha dato in escandescenze e incendiato un materasso, episodi all’ordine del giorno che richiedono reazioni e risposte adeguate. E’ sempre delicato l’intervento su problemi che possono scoppiare al centro, e anche in questo caso non sarebbe male una preparazione specifica. “Meglio che niente” ha commentato il senatore Pd Giuliano Barbolini, che aggiunge però che non si risolvono così i problemi di sicurezza e che gli accordi firmati per il Cpt prevedevano un organico a parte di forze dell’ordine. Plauso, invece, al governo dal consigliere regionale di An-Pdl Enrico Aimi, che dice che è stato risposto con i fatti alle parole. E proprio il consigliere annuncia anche che forse da settembre potrebbero arrivare altri militari dell’esercito, questa volta però per presidiare assieme alle forze dell’ordine il centro cittadino, nonostante il parere fortemente contrario degli addetti ai lavori di questo tipo di utilizzo dei soldati. Meglio che niente  


Riproduzione riservata © 2016 TRC