in:

Questa mattina è stato ricordato l’eccidio dei 67 prigionieri prelevati dal campo di transito di Fossoli e fucilati dai nazisti al poligono di tiro di Cibeno, il 12 luglio del ’44.

La mattina del 12 luglio di 64 anni fa tre autocarri tedeschi trasferirono 67 prigionieri dal campo di concentramento di Fossoli al poligono di tiro di Cibeno di Carpi: per rappresaglia i soldati nazisti li fucilarono tutti. A Cibeno vennero uccise persone di tutte le età e condizioni sociali, di 27 differenti provincie.Questa mattina, come ogni anno, le autorità locali, familiari e gente comune hanno ricordato quell’eccidio, a 64 anni di distanza. A breve sarà intitolata una strada ai caduti di Cibeno e realizzato un monumento celebrativo, ha ricordato il sindaco di Carpi Enrico Campedelli.Il momento celebrativo di questa mattina è solo una delle tante iniziative che, con cadenze regolari, vengono realizzate per non dimenticare le atrocità compiute dai nazi fascisti e per ribadire i valori fondanti della nostra carta costituzionale: a ribadirlo la parlamentare carpigiana del Pd Manuela Ghizzoni.


Riproduzione riservata © 2016 TRC