in:

L’Asp di Vignola, la prima nata in Emilia Romagna, ha presentato alla Rocca di Vignola, il bilancio sociale. L’occasione per fare il punto sul funzionamento di un ente che eroga servizi fondamentali per i cittadini.

Servizi sociali, propriamente detti; gestione di centri diurni e comunità alloggio per anziani e disabili; assistenza domiciliare; inserimenti lavorativi; sostegno anche economico alle famiglie in difficoltà. Il welfare, nell’Unione Terre di Castelli e nella Comunità Montana Modena Est, è stato affidato quasi integralmente all’Asp Giorgio Gasparini. La prima azienda pubblica di servizi alla persona nata dopo la modifica della legge regionale, tra le più apprezzate e studiate per la qualità dei servizi erogati. Così, per valutare i risultati conseguiti e la capacità di rispondere alle esigenze dei cittadini del vasto territorio servito, l’azienda ha presentato il proprio bilancio sociale. L’Asp ha raccolto l’eredità delle Ipab che gestivano i centri diurni per anziani di Vignola e Spilamberto e del Coiss, il consorzio che dal ’97 garantiva i servizi sociali dei nove comuni. Da qui la forte attenzione che le amministrazioni comunali dedicano all’azienda.


Riproduzione riservata © 2016 TRC