in:

Marco Visconti e Jean Nouvel, oltre a Renzo Piano e Massimiliano Fuksas, firme eccellenti per i reparti presentati stamattina in Ferrari: il ristorante aziendale e le linee di montaggio.

Un tempo c’erano le mense aziendali, per quella Ferrari, progettata da Marco Visconti, è obbligatorio parlare di ristorante. Al centro della cittadella di Maranello, è un punto d’incontro e socializzazione, circondato da una piazza in parte coperta, per i momenti di relax. Il secondo nuovo edificio, firmato dal francese Jean Nouvel, vincitore quest’anno del premio Pritzker, l’Oscar dell’architettura, tocca il cuore produttivo dell’azienda. La nuova linea di montaggio delle vetture rappresenta un punto avanzato d’incontro tra artigianalità, vero valore aggiunto di casa Ferrari, e tecnologia. Ognuna delle 54 postazioni di lavoro, dove per ora sarà montata solo la California, primo esemplare di Ferrari insieme spider e coupè, è pensata per ottimizzare al massimo il lavoro. I robot si occupano di trasportare i pezzi e anche di installare quelle componenti, come il parabrezza, dove è più facile l’errore umano. Quando conta però, tocca al genio degli uomini in rosso, maestri nell’arte di creare automobili tra sogno e realtà. La nuova linea di montaggio delle vetture è immersa nel verde e si caratterizza per grandi vetrate che consentono di vedere all’esterno. Il marchio di fabbrica della Formula uomo, lanciata nel ’97 dal presidente Montezemolo che coinvolgendo grandi architetti, tra cui Piano e Fuksas, ha trasformato la storica fabbrica di Maranello. Non più solo luogo di produzione di vetture, ma azienda all’avanguardia per risparmio energetico, attenzione all’ambiente e qualità del luogo di lavoro. Basti pensare che all’interno degli stabilimenti, le macchine non vengono mai messe in moto, ad eccezione della prova benzina e che i nuovi edifici consento di ridurre del 35% le emissioni di anidride carbonica. “E ora che è stata completamente rinnovata l’area della gestione industriale – ha spiegato l’amministratore delegato Amedeo Felisa – tocca alla gestione sportiva”. Con i lavori che inizieranno nel 2009.


Riproduzione riservata © 2016 TRC