in:

Continuano le contestazioni da parte dei tifosi della curva del Modena, che dopo le scritte offensive sui muri dello stadio hanno fatto sentire la propria voce attraverso un volantino distribuito agli organi di stampa.

Il giorno è cruciale, per il Modena come per tutta la serie B. A Milano, negli uffici della Lega Calcio, va in scena oggi l’assemblea straordinaria in cui si conoscerà il destino della serie cadetta. Un crocevia attraverso il quale le società devono passare per capire quanto potrà entrare nelle loro casse in termini di diritti televisivi e mutualità dalla serie A. I presupposti perché arrivino notizie particolarmente positive non ci sono, anche perché da un lato non ci sono emittenti nazionali interessate al campionato, dall’altro la B chiede che i club di A versino loro una cifra di 70 milioni di euro a fronte dei 45 previsti oggi. Dall’esito dell’assemblea nasceranno anche i programmi di molti club, Modena compreso. Il clima nei confronti dei gialli è pesante. Dopo le scritte offensive sui muri dello stadio Braglia, oggi la contestazione dei tifosi è continuata attraverso un volantino distribuito a diverse redazioni, con l’ennesimo invito ad Amadei a passare la mano. Il patron sta trattando, pare con quattro pretendenti, veri o presunti tali, la cui solidità è tutta da dimostrare. Le strade però restano aperte e nulla è da escludere, nemmeno che si possa arrivare a una cessione del club in tempi brevi. Per ora l’ipotesi più probabile resta però quella che sia ancora la famiglia Amadei a restare al timone del Modena, sposando quella linea verde che rappresenta per ora l’unica via percorribile. L’attesa conferenza stampa della proprietà gialloblù per fare chiarezza su nomi e progetti per il futuro, o nel caso per annunciare eventualmente la cessione del club, si farà solamente quando sul piatto ci sarà qualcosa di più concreto. A cominciare dalle risposte che i club avranno oggi nel corso della lunga assemblea di Lega.


Riproduzione riservata © 2016 TRC