in:

Giorgio Pighi alla testa di nove sindaci che criticano il decreto ‘blocca processi’. “Siamo stati strumentalizzati”.

I sindaci di nove comuni, Giorgio Pighi in testa, contro la norma ‘blocca processi’ introdotta dal decreto sicurezza. Con una nota unitaria i primi cittadini di Bergamo, La Spezia, Padova, Pavia, Piacenza, Pisa, Ravenna, Reggio Emilia e, appunto Modena, si dicono delusi dal ministro Maroni e parlano di decreto ‘snaturato’: “Abbiamo a lungo parlato del concetto di sicurezza urbana e trovato convergenze rispetto a ruoli e competenze – scrivono i nove sindaci – ma le nostre ragioni e quelle dei cittadini sono state strumentalizzate”. L’emendamento contestato prevede che tutti i processi per reati commessi fino al giugno 2002 vengano sospesi per un anno, ad eccezione di quelli per mafia, terrorismo o incidenti sul lavoro.


Riproduzione riservata © 2016 TRC