in:

Calano i furti in negozio, aumentano quelli in casa, le estorsioni e le rapine denunciate sul territorio provinciale ai carabinieri negli ultimi 12 mesi. Questi alcuni dei dati che hanno accompagnato oggi la tradizionale festa dell’arma.

Più reati di cui è stato scoperto il colpevole, e anche denunce di alcuni fatti in calo. Con questi risultati l’arma dei carabinieri oggi festeggia il 194esimo anniversario della nascita del corpo. La celebrazione si è tenuta nel cortile della caserma Messineo di viale Tassoni, a Modena, alla presenza delle autorità civili, militari e religiose di tutta la provincia. Perché è anche e soprattutto in provincia, con le tante stazioni, che l’arma garantisce un presidio attento del territorio. Alla fine dei saluti di rito e dei messaggi di auguri, il discorso del comandante Marco Rizzo, che preferisce sempre non dilungarsi sui dati, e poi la premiazione dei militari che più si sono distinti in servizio. Eppure i dati sono significativi: dal primo maggio al 30 aprile 2008 sono diminuite le denunce ai carabinieri per violenze sessuali rispetto ai 12 mesi tra il primo maggio 2006 e il 30 aprile 2007, mentre sono aumentati del 15% i responsabili di questo tipo di reato scoperti dall’arma. E ancora: ci sono state oltre cento truffe in meno e il 2% di truffatori in più trovati; sono aumentate le estorsioni ma anche gli arresti relativi, calano i furti d’auto e nei negozi ma aumentano quelli in casa, diminuiscono le rapine in banca, ma passano da 9 a 20 quelle in abitazione. Un anno impegnativo per i carabinieri, che dallo scorso Natale hanno 20 uomini in più.


Riproduzione riservata © 2016 TRC