in:

Guardano molto la televisione, non mangiano la verdura. Promossa la colazione a base di latte e cereali, bocciata la merendina del pomeriggio in stile junk food. E nasce un libro con le ricette dei nidi.

Cinquecento le interviste realizzate per ‘Chi la sana la vince’, un progetto realizzato degli assessorati alle politiche per la salute e l’istruzione del Comune, in collaborazione con il Consorzio Mercato coperto Albinelli, Cir Food, Uisp Modena e Azienda sanitaria. Obiettivo, educare a un corretto e sano stile di vita per la prevenzione all’obesità infantile. Se la quasi totalità dei bambini ha l’abitudine di fare colazione al mattino prima di andare a scuola e parliamo di un pasto sano a base di latte, biscotti, cereali e fette biscottate, quello che i nutrizionisti definiscono un equilibrato apporto calorico, è con la merenda che i buoni propositi saltano: per il 51% dei bambini vale solo la merendina confezionata seguita, per fortuna, da succhi di frutta e frutta di stagione. Mele e banane non sono nella hit parade delle preferenze, ma il 43% dei piccoli modenesi mangia frutta 2 o 3 volte al giorno, con la verdura le cose si complicano: un terzo dei bambini coinvolti nel questionario la mangia ogni 3-4 giorni. Più della metà pratica uno sport e gioca all’aria aperta con gli amici, ma va a scuola in auto con i genitori anche se la distanza da casa è di pochi chilometri, ma in questo caso è perchè mamma e papà, spesso, proseguono per il lavoro. Il progetto ‘Chi la sana la vince’ ha visto la partecipazione attiva dei nuclei familiari e di tutti i soggetti coinvolti: un giorno a settimana ai genitori era stata richiesta una merenda sana ed equilibrata, Cir Food si era impegnata a distribuire nelle mense scolastiche frutta e yogurt, mentre il mercato di via Albinelli ha ospitato una sorta di lezione sul campo per insegnare a fare una spesa consapevole e di stagione. La Uisp ha creato percorsi guidati alla scoperta di luoghi dove giocare all’aria aperta in centro storico. E le ricette dei piatti che i bambini mangiano al nido sono state raccolte in un libro. Ma nel volume non solo suggerimenti per un’alimentazione sana ed equilibrata, anche un modo per comunicare. Sono le ricette, 60 in tutto, che le cuoche dei nidi modenesi usano tutti i giorni per insegnare ai bambini a mangiare in modo sano ed equilibrato. Sono il frutto di tanta esperienza, diventato un libro dal titolo “Il nido racconta”, che gode anche della collaborazione dello chef modenese Massimo Bottura. Domani alle 18, al Baluardo della Cittadella, verrà presentato alla città dall’assessore all’istruzione di Modena, Adriana Querzè, presente anche Patrizio Roversi. Ma il cibo, nel volume, non è solo educazione alimentare, è anche conoscenza.


Riproduzione riservata © 2016 TRC