in:

Torna il teatro di classe. Dal 6 al 30 maggio i ragazzi delle scuole superiori di Modena e provincia diventano attori, registi, autori.

Può accadere che dal fenomeno della rifrazione (comportamento della luce attraverso le lenti) si arrivi ad un testo toccante e tenero come “Alice attraverso lo specchio”. Ed ecco che una classe si trasforma in compagnia teatrale; il teatro come un percorso che comprende un lungo lavoro di allestimento, prove e scritture e che poi approda nella magia del palcoscenico. Misurarsi con la scena significa, molto spesso, iniziare un viaggio interiore ed emotivo, dove la chiarezza comunicativa e l’interazione con chi si condivide questa esperienza sono i paladini di un esperienza preziosa per lo studente – attore. Sono 11 gli istituti scolastici modenesi coinvolti. 5 gruppi si esibiranno con testi da loro realizzati: l’adolescenza il filo conduttore. Altre scuole reciteranno in straniero: è il caso di una rivisitazione in francese, sottoforma di musical, di Giulietta e Romeo. Le serate saranno 11. Si parte martedì 6 maggio, al Teatro Storchi, con il gruppo teatrale dell’istituto Fermi. Gli spettacoli iniziano sempre alle 21 e si terranno al Teatro Storchi e al Teatro delle Passioni. Ultimo spettacolo il 30 maggio, protagonista l’istituto Venturi.


Riproduzione riservata © 2016 TRC