in:

Nuovo piano antismog per l’Emilia-Romagna, dal primo ottobre la manovra si estende anche ai veicoli diesel Euro 4. Protesta la Lapam che chiede deroghe per camioncini e furgoni.

Nuova manovra antismog della regione, dal 1 ottobre stop ai veicoli diesel euro 4 in tutti i comuni con più di 30mila abitanti. Nella nostra provincia le misure antinquinamento riguarderanno quindi Modena, Carpi, Sassuolo, Formigine e Castelfranco Emilia. A Modena le limitazioni saranno applicate nella consueta area interna alle tangenziali nord, la Nuova Estense e via Giardini, dal lunedì al venerdì dalle 8,30 alle 18,30. Previste anche 5 domeniche ecologiche con prova generale il 23 settembre quando il comune ha in programma la speciale “domenica XXL”. Tutti i veicoli sono però autorizzati a percorrere le tangenziali per raggiungere i 26 parcheggi scambiatori da dove proseguire con mezzi pubblici, biciclette o veicoli elettrici a noleggio. I nuovi limiti interessano complessivamente quasi 30mila veicoli immatricolati nel comune di Modena, 11mila i diesel euro 4. Lapam però insorge e chiede deroghe per i veicoli commerciali. “Il Piano è stato approvato dalla Regione -ha risposto Alessandra Filippi, assessore all’ambiente del comune di Modena – e i comuni non possono concedere esenzioni”. Oltre ai veicoli, la manovra riguarda anche le emissioni da riscaldamento domestico, misure emergenziali che scattano dopo 4 giorni consecutivi di superamento dei limiti di PM10: vietato l’uso dei combustibili a biomasse come legna, cippato e pellet non certificato. Temperature al massimo a 19 gradi in casa e a 17 nei capannoni industriali o artigianali.


Riproduzione riservata © 2018 TRC