in:

I vacanzieri in riviera da qualche tempo devono affrontare il fastidioso problema delle alghe

I vacanzieri in riviera da qualche tempo devono affrontare il fastidioso problema delle alghe che da Cesenatico a Cervia hanno invaso acqua e battigia. Il fenomeno – spiega l’esperto – dipende dalle abbondanti piogge che quest’estate hanno interessato la zona. L’acqua dolce dei fiumi – ricche di sostanze nutritive – si riversano in mare favorendo il proliferare di queste fiorescenze, non legate a problemi di inquinamento. E, aggiunge, non sono per nulla pericolose.
Intanto sulle coste interviene anche Legambiente. “In Emilia Romagna un punto su undici monitorati risulta fortemente inquinato e si tratta ancora una volta, per l’ottavo anno consecutivo, della foce del torrente Marano, a Riccione. Entro i limiti, invece, i valori riscontrati dai tecnici di Goletta Verde negli altri punti campionati. Sebbene la situazione appaia generalmente positiva, nei confronti dei cosiddetti “malati cronici”, ovvero i casi dove la mancata depurazione resta un problema irrisolto da troppi anni, come la foce del Marano, Legambiente intende sollecitare le autorità competenti anche per avere chiarezza rispetto all’esito delle indagini avviate dopo l’esposto, presentato l’anno scorso dall’associazione ambientalista, nel tentativo di individuare la soluzione definitiva a un problema ormai non più procrastinabile”.


Riproduzione riservata © 2018 TRC