in:

Alberi sradicati, capannoni allagati, colture di pere, susine e peperoni danneggiate all’80%. E’ questo l’ennesimo triste bilancio del maltempo

Alberi sradicati, capannoni allagati, colture di pere, susine e peperoni danneggiate all’80%. E’ questo l’ennesimo triste bilancio del maltempo che si è abbattuto ancora una volta nella bassa, questa volta siamo tra Mirandola e Cavezzo. La furia si è scatenata alle 21 circa e una persona è rimasta ferita. Stava viaggiando sulla via per Concordia quando un albero si è abbattuto sulla sua auto. Alcune contusioni per lui, che è stato subito soccorso dal 118. Anche a San Possidonio un albero è caduto su un furgone dell’Avis in sosta davanti alla sede. Decine poi gli interventi dei vigili del fuoco. In via Matteotti un pino si è abbattuto sull’abitazione creando diversi danni al tetto, fortunatamente nessuno era in casa.
E poi ci sono i danni all’agricoltura, è la terza volta che il maltempo colpisce la bassa dall’inizio dell’anno nelle zone di produzione più importanti, soprattutto per quanto riguarda le pere. Questa volta i danni sono ancora più ingenti, perché ormai era tutto pronto per l’inizio della raccolta.
E poi ci sono i danni alle coltivazioni di mais, abbattute dalla forza del vento.


Riproduzione riservata © 2018 TRC