in:

L’ondata di calore di più intensa di sempre con i giorni dall’1 al 5 agosto mai così caldi a Modena e a Reggio

Ora bisognerà inquadrare il fenomeno nell’ambito dei cambiamenti climatici in corso e degli scenari futuri: forse non siamo di fronte a un evento eccezionale o isolato ma a una nuova normalità dovuta al riscaldamento globale. Parole di Luca Lombroso che commenta l’ondata di calore di più intensa di sempre con i giorni dall’1 al 5 agosto mai così caldi a Modena e a Reggio. Non è stato battuto il record storico di temperatura massima assoluta a Modena città, ma il 4 agosto 2017 è risultato il giorno più caldo come temperatura media giornaliera: 33,2 gradi, più alta del 22 luglio 2015 quando si era fermata a 33,1° e del 6 agosto 2003 ferma a 33° gradi tondi, anni che ancora ricordiamo senza nostalgia. Veniamo al record del 29 luglio 1983: il termometro dell’Osservatorio geofisico segnò 38 gradi e mezzo, massimo assoluto di tutto il periodo dal 1830 ad oggi. Ma parliamo di un termometro posto a 31 metri dal suolo, se lo stesso termometro viene sistemato a 2 metri dal suolo segna in media 1 o 2 gradi in più: ecco allora i dati raccolti al campus universitario dove si sono registrati i famosi o famigerati (a seconda del nostro rapporto col caldo) 40,1 gradi. Lo stesso giorno, sul terrazzo del Policlinico, una nuova stazione ancora sperimentale, ha raggiunto i 40,8 gradi. Spiegati i termometri, torniamo ai cinque giorni di inizio agosto, che sono stati seguiti da notti tropicali, sempre sopra i 20 gradi di minima. Sono così state battute tutte le ondate di calore di sempre: l’annus horribilis del 2003, ma anche altre serie datate 1983, 2011 e 2015.


Riproduzione riservata © 2017 TRC