in:

Continua il maltempo, ed è stata attivata dall’Agenzia regionale di Protezione Civile, la “fase di preallarme” per la piena dei fiumi Montone, Ronco e Savio.

Continua il maltempo, ed è stata attivata dall’Agenzia regionale di Protezione Civile, la “fase di preallarme” per la piena dei fiumi Montone, Ronco e Savio nel Ravennate, nel Forlivese e nel Cesenate. Nel dettaglio i comuni interessati sono quelli di Faenza, Ravenna e Russi, nel Ravennate e Forlì, per quanto riguarda il fiume Montone; Ravenna e Forlì, per quanto riguarda il fiume Ronco e Cervia e Ravenna, nel Ravennate e Cesena, per quanto riguarda il fiume Savio. La fase di preallarme – si legge in una nota – è stata disposta dalle 7.30 di questa mattina “a seguito delle intense precipitazioni nei bacini idrografici del territorio orientale della regione e dell’innalzamento dei livelli idrometrici nei fiumi Montone, Ronco e Savio”. Attivata dall’Agenzia regionale di Protezione Civile, la “fase di preallarme” per la piena del fiume Idice, nel Bolognese e nel Ferrarese. Nel dettaglio i comuni interessati sono quelli di Budrio, Medicina e Molinella, nel Bolognese e Argenta, nel Ferrarese. La fase di preallarme – si legge in una nota – è stata disposta dalle 11 “a seguito delle intense precipitazioni e dell’innalzamento dei livelli idrometrici”.

 

A Reggio Emilia si sono registrati allagamenti nelle aree golenali. In molti comuni dell’Appennino emiliano, poi, si sono rimesse in movimento alcune frane. A Vezzano sul Crostolo evacuata una famiglia per la casa minacciata da uno smottamento.

A Casola Valsenio (Ravenna) è franato un campo da calcio adiacente al fiume Senio. Evacuate due persone a Tossino (Modigliana, Forlì-Cesena) dove una frana minaccia una casa. Sempre per una frana è isolata la località di Monte Codruzzo di Roncofreddo. Diversi smottamenti a Vezzano sul Crostolo e Baiso, nel reggiano. Allagamenti a Forlì. Preallarme dopo l’apertura delle casse di espansione del cavo Parmigiana Moglia a Novellara.


Riproduzione riservata © 2017 TRC