in:

Restano gravissime, ma allo stato attuale stazionarie, le condizioni del ragazzo di 19 anni coinvolto ieri nell’esplosione

Restano gravissime, ma allo stato attuale stazionarie, le condizioni del ragazzo di 19 anni coinvolto ieri nell’esplosione del suo appartamento a Modena, in via Blasia. Ha ustioni, in gran parte di terzo grado – alcune anche profonde – su oltre l’80% del corpo, è ricoverato al Centro grandi ustionati di Parma, struttura altamente specializzata, in prognosi riservata. E’ vegliato dalla mamma Susanna, arrivata già ieri all’ospedale, La donna è sconvolta e grida il suo dolore, chiedendo di sapere come sia possibile che sia accaduta una cosa del genere. Il 19enne si era iscritto all’Università di Modena, ingegneria elettronica, ed era arrivato in città da circa due settimane. Ieri stava ancora finendo il trasloco in quella che avrebbe dovuto essere la sua casa da studente, quando – probabilmente per una fuga di gas – si è verificata l’esplosione. Ancora da chiarire le cause, pare che la cucina fosse stata sostituita pochi giorni fa, ma gli accertamenti sono ancora in corso. Il ragazzo è stato soccorso subito dalla polizia, arrivata per prima sul posto, che lo ha portato fuori e affidato al 118. La procura ha aperto un fascicolo.

L’esplosione ha sventrato la palazzina, dichiarata inagibile dai vigili del fuoco. Chiuse anche le strade adiacenti per rischio crolli.


Riproduzione riservata © 2018 TRC