in:

Manomettevano le colonnine self service delle pompe di benzina in modo da rubare i codici segreti

Manomettevano le colonnine self service delle pompe di benzina in modo da rubare i codici segreti delle tessere-carburante degli autotrasportatori, e in questo modo si procuravano i pin, li inserivano in altre tessere e le rivendevano. I carabinieri della stazione di Codevigo (Padova) hanno eseguito oggi tre ordini di custodia cautelare emessi dal gip di Padova Domenica Gambardella a carico di altrettanti uomini di origini moldave: un 40enne residente a Occhiobello, e un 23enne di Carpi (Modena) sono stati raggiunto da un obbligo di dimora nei loro paesi di residenza, mentre il terzo, un 22enne di Felino (Parma) ha avuto l’obbligo di presentazione quotidiano alla polizia giudiziaria. I tre sarebbero responsabili di 72 ‘colpi’ nelle stazioni di servizio di Padova, Rovigo, Verona, Ferrara, Bologna, Parma, Modena, Regio Emilia, Piacenza, Brescia, Pavia e Genova. La “banda della pompa di benzina” è indagata per ricettazione, indebito utilizzo di carte di pagamento, furto e danneggiamento.


Riproduzione riservata © 2018 TRC