in:

Non ce l’ha fatta il bambino di appena 4 anni di Carpi ricoverato da lunedi pomeriggio nel reparto di terapia intensiva del Policlinico a causa di un arresto cardiocircolatorio. Ancora da chiarire le cause della tragedia

Non ce l’ha fatta il piccolo Nicolas, appena 4 anni, il bambino di Carpi ricoverato nel reparto di terapia intensiva del Policlinico. Nonostante gli sforzi disperati dei medici il suo cuore ha cessato di battere la scorsa notte. Il bambino era giunto al pronto scorso del Ramazzini di Carpi poco dopo le 17 di lunedì in arresto cardiocircolatorio. A portarlo era stata la madre in auto. Le manovre di rianimazione e il trasferimento al Policlinico non sono stati purtroppo sufficienti. I carabinieri di Carpi stanno indagando sull’accaduto. L’unica testimone diretta di quella tragedia è la madre, una trentenne di Carpi. La donna ha riferito di essere andata lunedì pomeriggio con il figlio a giocare nelle campagne intorno a Limidi di Soliera. Dopo una sosta in gelateria il bambino voleva andare a buttare i sassi nel canale. Mamma e bimbo si sono così incamminati lungo il prato.. Poi Nicolas avrebbe chiesto di giocare a nascondino. E’ stato in questo frangente che è avvenuta la tragedia. La donna ha raccontato di avere perso di vista per un attimo il figlioletto e di averlo ritrovato pochi secondi dopo riverso a terra nei pressi di un canale. In bocca aveva un pupazzetto di plastica che secondo il racconto della donna gli impediva la respirazione e che lei ha estratto subito. Forse, ipotizza la donna, è caduto mentre correva con in bocca il giocattolo. Ancora tutto da capire secondo i carabinieri che attenderanno l’esito dell’autopsia, fondamentale per capire le cause del decesso. La mamma, una trentenne che abita con il bimbo in centro a Carpi e lavora presso un bed and breakfast di Soliera, ha avvertito subito il padre del bambino dal quale è separata, uno slovacco che lavora in Svizzera e che è rientrato immediatamente a Carpi appena saputo della tragedia. La famiglia del piccolo Nicolas ha acconsentito la donazione degli organi


Riproduzione riservata © 2018 TRC