in:

E’ caccia al piromane responsabile degli incendi che da oltre una settimana stanno devastando il nostro Appennino

E’ caccia al piromane responsabile degli incendi che da oltre una settimana stanno devastando il nostro Appennino. E’ stato infatti trovato un innesco con liquido infiammabile nei boschi intorno a Montefiorino, non proprio l’area dei maxi roghi dei giorni scorsi ma a diversi chilometri di distanza, dove però pare che il piromane non sia riuscito nel suo intento poiché le fiamme non si sono propagate e all’arrivo dei vigili del fuoco l’incendio era praticamente già spento.  I carabinieri forestali vogliono capire se vi sia comunque una connessione tra i vasti incendi che hanno distrutto due giorni fa a Trentino di Fanano 20 ettari di bosco e altri tenta mercoledì scorso a Valdalbero di Lama Mocogno con tanto di case evacuate e paura tra i residenti e i turisti di tutta l’area, senza contare i danni alla flora e alla fauna selvatica provocati dal fuoco e dal fumo. Per ora si indaga per incendio boschivo contro ignoti, ma se si è trattato di un piromane il rogo non sarebbe stato accidentale o provocato per negligenza. E’ presto per capire se i responsabili siano uno o più persone e le indagini non si annunciano facili. Decine di squadre dei vigili del fuoco e della protezione civile sono state impegnate sulle nostre montagne. I pompieri stanno ancora lavorando a Trentino di Fanano anche nelle ultime ore dove il vento ha acceso di nuovo focolai e l’opera di bonifica di tutta la zona interessata dai roghi si annuncia lunga e complessa.


Riproduzione riservata © 2017 TRC