Due operai residenti a Concordia avevano trasformato un’area golenale del fiume Secchia in una piccola ma rigogliosa piantagione di marijuana.

Due operai residenti a Concordia avevano trasformato un’area golenale del fiume Secchia in una piccola ma rigogliosa piantagione di marijuana. Nel terreno erano già cresciute una ventina di piante di canapa alte circa un metro e 80. Notate dai carabinieri di Concordia, i militari si sono appostati per incastrare i responsabili: un tunisino di 31 anni e un rumeno di 39, a casa del quale sono stati sequestrati un bilancino, un fornetto per l’essiccazione, vario materiale per il confezionamento della droga e 200 grammi di marijuana.


Riproduzione riservata © 2018 TRC