in:

Per il governatore della regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini non c’è alcuna volontà di arrivare a uno scontro istituzionale con il governo

“D’accordo nel sedersi attorno a un tavolo per discutere, ma l’augurio è che alcune infrastrutture da troppo tempo rimandate possano essere realizzate, con una decisione che sia la più condivisa possibile”. Così Stefano Bonaccini, presidente della regione, commenta la notizia della convocazione della conferenza dei servizi per metà settembre su un’opera strategica come il passante di Bologna. Il discorso ovviamente vale anche per le grandi opere che coinvolgono il territorio modenese, quindi la Cispadana e la bretella Campogalliano-Sassuolo. Bonaccini si augura che non si arrivi a un braccio di ferro col ministero delle Infrastrutture. E sulla bretella Bonaccini conferma che il rinvio del cantiere dipende anche da modifiche richieste da alcuni enti come il comune di Modena sui caselli, ma in primavera il cantiere potrebbe vedere la luce.

Intanto i Comitati No Bretella hanno scritto una lettera al Ministro delle Infrastrutture Toninelli per fermare il progetto dell’opera e investire invece sul trasporto ferroviario.


Riproduzione riservata © 2018 TRC