in:

Lo scrittore Valerio Massimo Manfredi al Sant’Anna per la settimana nazionale di letteratura in carcere

Il mito di Ulisse al Sant’Anna. La guerra e il sangue, gli amori e l’avventura, il viaggio e il ritorno a casa, l’odio e la vendetta: la forza narrativa di Valerio Massimo Manfredi per un pubblico diverso dal solito, quello dei detenuti del carcere di Modena. L’archeologo e scrittore modenese ha portato il racconto della trilogia “Il mio nome è nessuno” dedicato al re di Itaca. L’incontro con Valerio Massimo Manfredi fa parte della settimana nazionale della letterature in carcere, un progetto promosso dal ministro della Giustizia Andrea Orlando peer valorizzare il ruolo della cultura nei percorsi di risocializzazione.


Riproduzione riservata © 2018 TRC