in:

I carabinieri hanno chiuso il cerchio sull’indagine che lo scorso anno aveva sgominato un giro di droga

I carabinieri hanno chiuso il cerchio sull’indagine che lo scorso anno aveva sgominato un giro di droga nei pressi della polisportiva Gino Pini a Modena. Dietro le sbarre è finito un  italiano di 23 anni titolare insieme al fratello maggiore arrestato lo scorso anno, di una pizzeria da asporto a Modena. Secondo i militari era lui, il più giovane all’apice dell’organizzazione, colui che aveva trovato il garage usato come stoccaggio delle partite di cocaina, hashish e marjiuana e che coordinava gli spacciatori al dettaglio. L’indagine aveva visto 11 persone indagate, alcune di loro finite in carcere. Ad allertare i carabinieri erano stati i genitori dei bambini che frequentano la polisportiva e che si erano accorti dei movimenti sospetti nella zona.


Riproduzione riservata © 2017 TRC