in:

Il compositore di Ascoli Piceno ha coinvolto il pubblico con la sua simpatia e semplicità eseguendo brani classici e due suoi inediti

Una perfezione quasi maniacale quella che Giovanni Allevi impone ai musicisti dell’Orchestra Sinfonica Italiana nel fare l’ultima prova prima del concerto “Equilibrium Tour” in versione Christmas al TeatroEuropAuditorium di Bologna perché il suo intento è quello di colpire direttamente al cuore di ogni persona.

Tanto che il coinvolgimento con gli orchestrali e il pubblico è totale e non solo perché ad ogni brano che interpreta ne da spiegazioni e ragioni, ma anche perché li chiama anche a dirigere l’orchestra così come è capitato a Valentina, una signora del pubblico saluta sul palco a dirigere un brano di Mozart. La bellezza della musica di Allevi nasce dalla sua stessa esperienza: nascono così le sue composizione come No Words scritta subito dopo il terremoto che ha colpito la sua terra piuttosto che Scent of you” nata subito dopo l’intervento agli occhi fatto in Giappone

 


Riproduzione riservata © 2019 TRC