in:

Le sigle di categoria di Cgil, Cisl e Uil segnalano che ci saranno altri incontri istituzionali nelle prossime settimane, al ministero dello Sviluppo economico, in Regione e in Provincia

“Non lasceremo nulla d’intentato” assicurano i sindacati da Forlì a proposito della vertenza Mercatone. Dopo la sospensione dei 28 punti vendita a livello nazionale compreso quello di Bertinoro, come confermato dai commissari di Mercatone Uno all’ultimo tavolo in Regione il 10 giugno, le sigle di categoria di Cgil, Cisl e Uil segnalano che ci saranno altri incontri istituzionali nelle prossime settimane, al ministero dello Sviluppo economico, in Regione e in Provincia. “In collaborazione con le Istituzioni locali ci attiveremo per far sì che i lavoratori del punto vendita Mercatone Uno di Bertinoro non vengano abbandonati e dimenticati”, scrivono in una nota congiunta Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil. Tutti fanno presente che i lavoratori vogliono chiarezza dai commissari sulle possibili riaperture già dai prossimi incontri. E alle Istituzioni, in questo senso, si chiede di intervenire per tutelare i 37 addetti del punto vendita in questione. In attesa di segnali da commissari e istituzioni, a breve i sindacati si riuniranno in assemblea coi lavoratori per fare il punto.


Riproduzione riservata © 2018 TRC