in:

Secondo il monitor di Intesa San Paolo, nel terzo trimestre del 2013, crescono tutti i distretti modenesi, ad esclusione della maglieria e abbigliamento di Carpi

Più luci che ombre per le esportazioni dei distretti industriali modenesi. Secondo il monitor di Intesa San Paolo, nel terzo trimestre del 2013, si consolidano i segnali positivi per le piastrelle di Sassuolo, a +6,9%, primo della regione per valori esportati. Bene anche i salumi del modenese, con aumenti del 10%; le macchine per l’industria ceramica di Modena e Reggio Emilia (a +20,9%) e le macchine agricole di Modena e Reggio Emilia (a +2,8%). Chiude in calo, invece, la maglieria e l’abbigliamento di Carpi, con una variazione negativa che supera il -5%. Ma si ritorna al segno più guardando ai dati del polo biomedicale di Mirandola (a +51,6%). E cresce anche l’export del polo ICT di Bologna e Modena (a +7%), grazie al buon andamento delle vendite negli Stati Uniti.


Riproduzione riservata © 2017 TRC