in:

Sono stati rinviati a giudizio

Sono stati rinviati a giudizio su richiesta della Procura di Reggio Emilia il comandante della polizia municipale dell’Unione della Val d’Enza (che comprende i Comuni di Bibbiano, Campegine, Canossa, Cavriago, Gattatico, Montecchio Emilia, Sant’Ilario d’Enza, San Polo d’Enza), il suo vice  e un ispettore. Lo scandalo emerso nel luglio scorso dopo un’inchiesta condotta dal pm Valentina Salvi aveva portato alla luce diverse contestazioni di reato, a vario titolo, di concussione, abuso d’ufficio, peculato, omessa denuncia, truffa aggravata ai danni dello Stato, bossing e mobbing. Intanto i sindaci dei rispettivi Comuni dell’Unione hanno annunciato – tramite una nota – la decisione di costituirsi parte civile per “il danno d’immagine e credibilità”. E ancora continuano: “Riteniamo profondamente ingiusto che le condotte illecite di pochi possano danneggiare in questo modo un servizio in cui operano quotidianamente con impegno e professionalità tanti operatori professionali e diligenti”. Lo riferisce l’Ansa.


Riproduzione riservata © 2018 TRC