in:

Militari e guardie venatorie stavano richiamando gli animali

I carabinieri di Rimini hanno denunciato due fratelli, residenti nella provincia di Pesaro-Urbino che nella notte del 21 agosto avevano sparato, in località Serra di Valpiano di Pennabilli (Rimini) mirando verso una pattuglia di carabinieri Forestali e Guardie venatorie, impegnati nell’attività di monitoraggio del lupo con la tecnica del ‘wolf bowling’. Verso la pattuglia di carabinieri forestali e guardie venatorie impegnata nell’attività di monitoraggio e censimento dei lupi era partito un colpo d’arma da fuoco non appena i militari avevano azionato il dispositivo per l’emissione di ululati pre-registrati che funge da richiamo per i lupi. Il colpo, secondo quanto ricostruito, era partito da circa 250 metri di distanza, da un’area dove era parcheggiata una roulotte con tettoia abusiva. Lì si erano accampati i due fratelli, di 48 e 53 anni, proprietari del terreno. L’attività di indagine ha permesso di identificare i due uomini. Nella perquisizione domiciliare sono stati sequestrati due revolver ad uso sportivo illecitamente detenuti e sono stati anche individuati abusi edilizi. Inizialmente negando il gesto, uno dei due uomini ha in
seguito ammesso di aver sparato con una delle pistole in proprio possesso esclusivamente per uso sportivo. Entrambi i fratelli sono stati denunciati per porto abusivo di arma da fuoco. I
carabinieri stanno provvedendo anche ad accertare gli abusi edilizi commessi sul terreno, roulotte e pertinenze annesse.


Riproduzione riservata © 2018 TRC